Meditazione

August 1, 2017

Si parla sempre più spesso di meditazione ed  una delle motivazioni principali che spinge una persona a provare un percorso di questo genere è spesso legata al desiderio di trovare un po' di pace e tranquillità dalla frenesia della vita di tutti i giorni. Un approccio giusto e sensato. Infatti la meditazione sicuramente può essere utile anche per questo! Ma non solo!

 

Ma cosa vuol dire "meditare"? La definizione che mi piace di più è "trovare uno spazio di serenità e silenzio dentro di sè". Facile a dirsi, ma difficile da realizzare? Come per tante cose, la meditazione è una pratica che richiede allenamento e costanza. Se voglio imparare a suonare il pianoforte dovrò allenarmi tutti i giorni ed impegnarmi con costanza e volontà. Lo stesso per la meditazione! E' necessario dedicare un po' di tempo tutti giorni a questa pratica perchè fisico e mente si allenino nel vero senso della parola. 

 

In realtà "meditazione" è un termine importante che fa pensare ad uno stato di ascesi, il samadhi, l'illuminazione. Quello da cui partire è uno stadio più semplice, che possiamo definire concentrazione. Lo scopo è quello di provare ad "ingabbiare" la mente, concentrandola su un solo oggetto del pensiero.

 

Da dove iniziare e cosa fare quindi?

Innanzitutto sarà necessario trovare la propria posizione per meditare: se siamo già abituati, la posizione ottimale è quella seduta a gambe incrociate o in padmasana (la posizione del loto), così da avere un buon allineamento della colonna vertebrale . Ma questa posizione può essere molto dura da tenere per tanto tempo! Quindi se si è all'inizio, si può provare ad usare un panchetto da meditazione su cui inginocchiarsi, oppure una sedia su cui sedersi. La cosa importante è mantenere la schiena ben dritta e il petto ben aperto, così da poter far fluire energia e respiro.

 

Non è necessario darsi obbiettivi esagerati: è dimostrato che 12 minuti di meditazione al giorno hanno già un effetto molto profondo. Quindi ci vuole poco: trovare un posto tranquillo dove non essere disturbati,  sedersi nella mia posizione preferita, puntare una sveglia col tempo da utilizzare per la meditazione e chiudere gli occhi. E  così inizia una nuova avventura.

 

Ci sono varie tecniche di meditazione, ma si può cominciare osservando semplicemente lo scorrere del proprio respiro. La mente deve portare la sua attenzione o all'aria che entra ed esce dalla narici o alla pancia che si gonfia e sgonfia ad ogni respiro e rimanere lì. Ecco tutto!!! Non sembra difficile, no?  Perchè non provare allora?

I benefici di questa pratica sono molti: aiuta a placare ansia e depressione, migliora memoria e concentrazione, offre un profondo benessere fisico e psichico, allevia lo stress, favorisce l'empatia, ma sopratutto ci aiuta ad entrare in contatto con una parte profonda del nostro Sè con cui spesso non veniamo in contatto. Quella parte autentica e spirituale che ognuno ha dentro di sè.

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

© 2018 BE YOGA VARESE ASD

ATTIVITA' SPORTIVA GINNASTICA CON FINALITA' DI FITNESS E BENESSERE FISICO SECONDO LE METODOLOGIE DELLO YOGA

ISCRIZIONE REGISTRO CONI N° 49761