Pranayama e l'importanza del respiro

June 1, 2017

La vita inizia con un inspiro, e finisce con un espiro. 


 

Secondo uno dei più autorevoli testi di Hatha Yoga, gli Yoga Sutra di Patanjali, il pranayama costituisce uno degli otto anga, ovvero stadi o “membra” dello yoga.

 

In realtà con il termine Pranayama non si intendono solo le tecniche di respirazione utilizzate dallo yoga, ma il meccanismo attraverso il quale è possibile assorbire e controllare il prana, ovvero l’energia vitale, con lo scopo di rendere la mente stabile, forte, tranquilla e di poterne risvegliare le potenzialità latenti. 

 

Prana, infatti, significa energia, o soffio vitale che riempie l’universo. Secondo una visione mistica questa energia vitale scorre all'interno di ogni essere e rappresenta quindi la nostra fonte di sostentamento. La principale sorgente di prana è in assoluto l’aria che respiriamo, ma in realtà lo assorbiamo anche dai cibi e dalle bevande, ed è per questo che nello yoga viene attribuita una grande importanza all’igiene del naso e della lingua, ad una lenta masticazione e, ovviamente, ad una efficace respirazione. Il prana infatti viene assorbito tramite le mucose del naso e dai recettori nervosi dell’apparato respiratorio, ma anche attraverso le terminazioni nervose della lingua e della gola.

 

La parola ayama vuol dire invece «estensione» o «espansione»;  la parola pranayama significa quindi «estensione o espansione della dimensione del prana».

Ovvero, un metodo per assorbire e indirizzare l’energia vitale nel corpo, rendere la mente stabile e raggiungere un livello superiore di coscienza.

 

Quando il corpo è «sotto controllo» è facile rivolgere l’attenzione al respiro che funge da tramite tra la materialità del corpo e la mente e questo ci permette, attraverso il pranayama, di raggiungere l’unione del corpo con la mente, per poi passare al gradino successivo che è la meditazione profonda attraverso la ritrazione dei sensi.

 

I benefici del pranayama sono infatti numerosissimi:

 

Facilita l’eliminazione delle tossine.

Migliora la circolazione sanguigna e linfatica.

Ottimizza l’azione filtrante dei reni.

Tonifica il sistema nervoso.

Agisce positivamente sulla memoria.

Aiuta la digestione.

Libera da pensieri negativi e dalle paure che immobilizzano l’intento.

Purifica le nadi, i canali energetici del corpo

Stimola la milza.

Equilibra il sistema ghiandolare.

Rinforza il sistema immunitario.

 

Perché il Pranayama funziona?

 

Numerosi esperimenti dimostrano come durante la pratica del pranayama le funzioni vitali vengano ridotte al minimo, come il cuore pompi sangue più lentamente e si riposi, e la mente si rilassi in quanto soggetta ad un carico di lavoro minore. Se il corpo è rilassato, la mente non ha bisogno di spendere energie per mandare impulsi di contrazione ai muscoli, e ciò che ne è consegue uno stato di pace mentale.

 

Il Pranayama migliora la funzione respiratoria esercitando i muscoli della respirazione e influenzando i centri respiratori, perciò si acquista la capacità di respirare in modo più efficiente.

 

Come si respira nel pranayama?

 

La respirazione è un processo naturale che ci accompagna durante tutto il corso della nostra esistenza:

attraverso l’inspiro, assimiliamo l’ossigeno necessario al mantenimento del corpo, mentre con l’espiro eliminiamo tossine dannose al corpo, come l’anidride carbonica.

A differenza di altri processi involontari, come ad esempio la digestione, la respirazione è un atto involontario con il quale possiamo in qualche modo interagire; possiamo infatti decidere di respirare in modo più o meno profondo o addirittura arrestare il respiro per un breve periodo.

 

Questo succede perché esistono dei centri nervosi che regolano l’attività respiratoria, cioè senza che noi facciamo niente, mandano l’impulso che permette l’inspirazione e l’espirazione. Attraverso altri impulsi cerebrali invece, possiamo parzialmente inibire i processi involontari e decidere quindi come respirare. Durante la pratica del pranayama, tutti i muscoli del corpo sono rilassati e tutto ciò aiuta a mettere corpo e mente in uno stato di riposo completo e ad eliminare le tensioni mentali, e ha una grande influenza sulle le funzioni fisiologiche.

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

© 2018 BE YOGA VARESE ASD

ATTIVITA' SPORTIVA GINNASTICA CON FINALITA' DI FITNESS E BENESSERE FISICO SECONDO LE METODOLOGIE DELLO YOGA

ISCRIZIONE REGISTRO CONI N° 49761